Generi.

I linguisti hanno formulato la teoria che la storia degli uomini è nella storia delle parole che hanno usato, o inventato. Vieppiù, nel corso della mia personale riflessione, mi convinco che questa ipotesi è fondata perché non v’è civiltà senza linguaggio, e senza le civiltà la storia dell’umanità è ben poco interessante.

balena

Diversamente che in italiano, in tedesco la parola Sonne che designa il Sole è di genere femminile, mentre la parola Mond che designa la Luna è di genere maschile.
I nostri familiari maschile/femminile non sono del resto gli unici generi possibili, anche se sono forse i più frequenti. Le idee che le lingue possono trasformare in generi grammaticali sono veramente insospettabili. In tagalog (Filippine) ci sono due generi: uno per i nomi propri e un altro per i nomi comuni. In dyribal (Australia) ci sono maschile, femminile, commestibili diversi dalla carne e neutro. In navaho ci sono tredici generi: oggetti rotondi, esseri vivi, oggetti raggruppati in un insieme, contenitori rigidi con contenuto, oggetti compatti, massa, oggetti che assomigliano al fango, ecc., ma nessuno di essi distingue maschile/femminile.
[Il corsivo è tratto da: Francisco Villar, “Gli indoeuropei e le origini dell’Europa, Il Mulino, Le vie della civiltà, 2004, pag. 282.]

Annunci

Tag: , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: